Home Page
Panorama
Sottocastello
I monti Peloritani

Home
La Storia
Rassegna Stampa
Phototeca
Link
Meteo
Scrivici


Rassegna Stampa

Gazzetta del Sud

06/06/2010

Rometta in festa per l'inaugurazione del grande oratorio

E il parroco parla di sogno premonitore

Tonino Battaglia

Il giorno tanto atteso dalla comunità alla fine è arrivato. L'Arcivescovo di Messina, mons. Calogero La Piana, ha aperto le porte del nuovo oratorio "Nostra Signora di Guadalupe" alla comunità di Rometta Marea. Una struttura fortemente voluta dal parroco, mons. Antonino Scibilia, che insieme a molti fedeli ha visto concretizzarsi un sogno che cullava da oltre trent'anni. La cerimonia di benedizione, presieduta dall'Arcivescovo, è stata seguita da almeno 800 persone che hanno gremito l'interno e l'esterno dell'oratorio per assistere all'evento. «Tra queste mura ora bisogna creare il centro di aggregazione di una comunità – ha affermato La Piana nel suo intervento – in cui infondere valori cristiani per la crescita spirituale e sociale di tutti». Assenti il presidente della Regione Lombardo e l'ex presidente Cuffaro, espressamente invitati. Alla manifestazione hanno preso parte numerose autorità. tra i quali il vicepresidente dell'Ars on. Santi Formica e l'on. Fortunato Romano, il presidente della provincia Nanni Ricevuto, diversi sindaci del comprensorio insieme al sindaco di Rometta Roberto Abbadessa, il quale ha ripercorso le diverse tappe che dal primo tentativo (nel 1992) hanno condotto alla realizzazione del centro socio-parrocchiale appena inaugurato, riconoscendo nella tenacia di padre Scibilia il motore che ha permesso questo lungo viaggio. E il parrocco ha ricordato ai presenti il sogno premonitore fatto pochi giorni prima della firma del decreto di finanziamento, sogno in cui accanto alla Vergine Maria compariva un foglio con su scritto: "Fai salti di gioia, ti ha esaudito!". Oggi l'oratorio "Nostra Signora di Guadalupe" è una grande struttura a due piani, di cui il piano terra è riservato a un ampio salone-auditorium (500 posti a sedere) per attività ricreative, mentre al primo piano sono presenti sette aule con locali idonei a cucina e mensa. I lavori della struttura sono stati effettuati dall'impresa "Bcg Costruzioni" di Gela.

Indice Rassegna